SFIDA SUI SOCIAL TRA ESPERTI DI CAFFÈ

Dario Ciarlantini e Andrea Cremone si sono sfidati in una gara di bravura e creativitĂ  sul profilo Instagram di Victoria Arduino. Chi saranno i prossimi sfidanti?

Victoria Arduino ha lanciato una Insta-challenge ad alcuni nomi importanti dell’industria del caffè. Obbligati, tutti, alla quarantena causa Covid-19, Victoria Arduino ha proposto ad alcuni coffee-specialists di cimentarsi in una sfida con vari livelli di difficoltà per dimostrare che anche a casa possiamo tutti preparare non solo un’ottima bevanda a base di latte e di caffè, ma anche dare sfogo a tutta la nostra creatività.Ecco le sfide proposte da Victoria Arduino:

  • sfida #1LATTE ART: preparare il miglior latte art possibile
  • sfida #2 MACINARE A CASA: estrarre un caffè partendo dai chicchi, senza utilizzare un macinino, nĂŠ elettrico nĂŠ manuale
  • sfida #3 DOLCE FATTO IN CASA: preparare un dolce a base di caffè (da questa sfida è escluso il tipico dolce a base di caffè: il tiramisĂš)
  • sida #4 DISEGNARE COL CAFFÈ: il piĂš bel disegno fatto con il caffè in grani o macinato, condizione obbligatoria da poterlo riutilizzare.

Per seguire le challenge dei vari protagonisti, ti invitiamo a seguire il profilo Instagram di Victoria Arduino, a inviare i tuoi commenti e nuove proposte di challenge.

TUTORIAL. COME SPEGNERE E POI RIATTIVARE LA MACCHINA DA CAFFÈ PRIMA E DOPO LA CHIUSURA FORZATA CAUSA COVID-19?

“A seguito dell’emergenza sanitaria da covid-19 ho dovuto chiudere temporaneamente il mio locale. Vorrei essere sicuro che alla riapertura funzioni tutto correttamente. Avete delle indicazioni da darmi per spegnere e poi riattivare la mia macchina da caffè e i macinini?” Questo è il messaggio che Victoria Arduino ha ricevuto ieri da un nostro barista che, come tanti altri, è stato costretto a chiudere il proprio locale per contribuire alla lotta contro il coronavirus. Victoria Arduino ha così deciso di condividere con tutti voi le indicazioni per la corretta manutenzione della macchina alla chiusura e alla riapertura del locale. Perché una macchina pulita e ben manutenuta garantisce ottime performance, una qualità eccellente e dura più a lungo!Ecco cosa consiglia di fare Victoria Arduino per il temporaneo shut down delle macchine e dei macinini:

  • Eseguire il back flush completo;
  • Procedere al ciclo di lavaggio completo dei gruppi con detergente e pulire accuratamente le doccette, le lance vapore e le relative guarnizioni;
  • Versare abbondante acqua calda e detergente nella vaschetta di scarico per pulire il tubo di scarico;
  • Svuotare la campana caffè e macinare il caffè rimasto all’interno fino a quando il macinino non è completamente vuoto;
  • Spegnere l’alimentazione. Sul lato destro sotto la macchina e al muro;
  • Chiudere il rubinetto principale dell’acqua che collega l’acqua alla macchina.

In fase di riapertura del tuo coffee shop, le operazioni di riavvio della macchina prevedono:

  • Accendere la macchina;
  • Fare un lungo purge a tutti i gruppi (1 litro di acqua per ogni gruppo);
  • Estrarre acqua calda dalla medesima lancia (non appena la macchina è accesa e ha raggiunto 1.2 bar). Si tratta di un’operazione utile per rinnovare l’acqua nella caldaia principale con acqua fresca. Sono sufficienti circa 4-5 litri per le macchine da caffè in versione 2 gruppi e 6-7 litri per le 3 gruppi.

Non vediamo l’ora di rivedere tutti i vostri coffee shop aperti e di assaggiare il vostro menù!

VIDEOTUTORIAL: COME PULIRE E SOSTITUIRE IL CLUMP CRUSHER DI MYTHOS 2

Come mantenere pulito il Mythos 2 ogni giorno?
Come sostituire o pulire il clump crusher?

I baristi sanno bene che la pulizia quotidiana del proprio macinino è un investimento in qualità. Si, perchÊ un macinino pulito significa un ottimo caffè. Proprio per garantire la qualità in tazza, Victoria Arduino ha preparato una serie di tutorial per offrire ai baristi degli utili consigli su alcuni argomenti come la pulizia del macinino e la sostituzione del clump crusher.

Andrea Cremone, AST trainer, mostra tutte le operazioni da fare in pochissimo tempo in modo semplice e evitando sprechi. Nel video “How to clean a Mythos 2 coffee grinder”, Andrea spiega, step by step, tutte le operazioni che un barista professionista deve fare per la routine di pulizia. Un macinino pulito, infatti, contribuisce a un’ottima esperienza di caffè e garantisce al tuo Mythos 2 una vita più lunga.

Da quando è stato inserito nella prima serie Mythos, il clump crusher è una soluzione a cui nessun barista vuole rinunciare in quanto permette di eliminare l’effetto di elettricitĂ  statica del caffè macinato, mantenendo il flusso continuo di caffè e riduce i residui. La corretta manutenzione del clump crusher è quindi fondamentale per una macinatura perfetta. CosĂŹ in “How to remove and install Mythos 2 clump crusher”, Andrea Cremone spiega come rimuovere e pulire il clump crusher, fornendo tutti i trucchi del mestiere per un perfetto rimontaggio.

How to clean a Mythos 2 coffee grinder

How to remove and install Mythos 2 clump crusher

CAPPUCCINO E FLAT WHITE. COME MANTENERE LE QUALITÀ ORGANOLETTICHE DEL LATTE?

Proteine, fosfolipidi e una temperatura di circa 60°C. La ricetta perfetta per bevande a base di latte belle da vedere e dalle alte qualità nutrizionali.

Ti sei mai chiesto se il latte che prepari ogni giorno per i tuoi cappuccini e flat white mantiene il piÚ possibile inalterate le sue qualità nutrizionali ed organolettiche? È possibile ottenere il bilanciamento perfetto tra un prodotto bello da vedere e in grado di mantenere tutte le sue qualità nutrizionali?
A questa domanda hanno cercato di dare risposta i ricercatori dell’Università di Camerino attraverso un progetto di ricerca avviato in collaborazione con Simonelli Group, azienda proprietaria del marchio Victoria Arduino.

Lo studio ha valutato la qualitĂ  nutrizionale di diverse tipologie di latte e di cappuccini preparati dalle macchine per espresso in condizioni differenti di temperatura e di vapore iniettato, al fine di trovare le condizioni ottimali per la produzione di cappuccini e di bevande a base di latte (Latte, Flat white) di alta qualitĂ . â€œNei cappuccini e nei Flat white abbiamo analizzato sia il latte che la schiuma, e i valori sono stati confrontati con quelli ottenuti dallo stesso lotto di latte prima della preparazione del cappuccino” â€“ spiega la professoressa Silvia Vincenzetti, coordinatrice dell’équipe di ricercatori universitari che seguono il progetto.

La variabile iniezione del vapore

Il Latte (caffellatte) e il Flat white richiedono una crema diversa rispetto al cappuccino con bolle piĂš piccole e con una crema finale piĂš liquida che richiede una iniezione di aria e vapore molto piĂš sottile, dando origine ad uno spessore finale in tazza di alcuni millimetri. Nel cappuccino classico, invece, la schiuma deve essere compatta e cremosa, con tessitura fine e superficie lucida dello spessore di circa 1 cm. “La crema del cappuccino â€“ spiega la professoressa Vincenzetti – Ă¨ una dispersione colloidale di un gas in un liquido. Il liquido è il latte usato per il cappuccino, mentre il gas è costituito dall’aria e dal vapore acqueo usati per montare il latte. Le goccioline di aria possono formare una dispersione colloidale nel latte grazie alla presenza in esso di surfattanti, che nel latte sono rappresentati dalle proteine ed i fosfolipidi. La stabilitĂ  della schiuma dipende dalla concentrazione relativa di surfattanti. PiĂš essa è elevata, piĂš la schiuma è stabile, in quanto le goccioline di gas sono piccole e ben separate tra loro”.

La variabile temperatura

Un altro aspetto importante è la temperatura. â€œLa temperatura per la montatura del latte non dovrebbe superare mai i 70°C, altrimenti â€“ spiega la docente – il latte assume un sapore di ‘cotto’ a causa della ‘caramellizzazione’ del lattosio, e le proteine presenti nel latte subiscono un processo di denaturazione. Le proteine denaturate finiscono con legarsi all’acido tannico presente nell’espresso formando il ‘tannato di caseina’, un composto che diventa difficile da digerire. La temperatura ottimale dovrebbe essere di circa 60°C in quanto è proprio a questa temperatura che il lattosio esprime al meglio la propria dolcezza”.

MACCHINA MURALE

A Firenze la macchina da caffè murale di Victoria Arduino.
Un oggetto unico, un brevetto centenario che diventa opera d’arte

È un caldo venerdĂŹ d’estate, il 4 agosto del 1922. Quel giorno Pier Teresio Arduino presenta, per la prima volta a nome della societĂ  La Victoria Arduino SocietĂ  Anonima, la domanda di brevetto “Macchina murale per la preparazione del caffè express”.

Questa sua nuova invenzione è veramente originale: la macchina murale viene fissata alla parete del locale ed è alimentata con acqua che proviene direttamente dalla tubazione dell’acquedotto mediante la spinta di una pompa a stantuffo, azionata mediante una leva manuale. Questa macchina ha successivamente un’evoluzione tale che prevede a vista sul muro del bar, dietro al bancone, i soli gruppi portafiltro con la macchina vera e propria installata dietro la parete nel locale attiguo.

Otto anni più tardi il suo brevetto trova applicazione nella grande sala dello stadio Artemio Franchi di Firenze. A progettare la struttura sportiva una tra le figure più geniali e innovative del panorama architettonico italiano, l’ingegner Pier Luigi Nervi. Nello stadio fiorentino, Nervi realizza strutture fino ad allora assolutamente inedite e avveniristiche come la pensilina priva di sostegni intermedi e fa installare la macchina da caffè murale di Victoria Arduino, completata nel 1931 insieme alle tribune scoperte e alla sistemazione dei locali sotto il parterre dove si trova ancora oggi. Un bancone lungo più di dieci metri dove dodici gruppi a destra e altrettanti a sinistra sono in grado di preparare più di mille tazze in solo un’ora. I gruppi sono installati su una lunga e imponente parete di marmo Nero Marquiña, una pietra naturale estratta da cave spagnole e attraversata da venature irregolari di colore bianco e grigio. Perfettamente funzionante fino agli anni Novanta, la macchina da caffè murale di Victoria Arduino entra a far parte della vita quotidiana e del calendario degli avvenimenti sportivi di Firenze e continua ad essere un oggetto unico nel suo genere da ammirare dal punto di vista estetico e architettonico.

A quasi 90 anni di distanza la macchina murale di Victoria Arduino è ancora nello stadio di Firenze a dimostrare come l’ingegno e la creatività degli uomini sia in grado di superare le mode e il tempo.

LA SCUOLA DEL CAFFÈ

UN AMBIZIOSO PROGETTO DI DITTA ARTIGIANALE E VICTORIA ARDUINO PER DIFFONDERE LA CULTURA DELLO SPECIALTY COFFEE IN ITALIA

È Victoria Arduino il partner di macchine per caffè espresso scelto da Ditta Artigianale per l’ambizioso progetto della Scuola del Caffè, presentato martedì a Firenze. Nata da un’idea di Francesco Sanapo e Patrick Hoffer, fondatori di Ditta Artigianale, la Scuola del Caffè sarà una realtà unica dedicata alla diffusione della cultura di eccellenza del caffè, oltre che alla formazione per i professionisti e luogo di incontro per ogni coffee lover.

La sede scelta è l’ex monastero di Sant’Ambrogio nel cuore di Firenze, un complesso di origine medioevale situato in via Carducci 2 che sarĂ  sede sia della Scuola del Caffè che della caffetteria. La scuola, che parte dalla necessitĂ  di creare un luogo di dialogo internazionale nel settore, vuole essere un punto di riferimento per baristi, tostatori, assaggiatori e appassionati “coffee lover”; si impegnerĂ  nel portare una crescita in termini di sostenibilitĂ , innovazione e conoscenza, coniugando il sapere di esperti del mondo del caffè con lo sviluppo delle tecniche piĂš all’avanguardia: un concept unico, dinamico e innovativo, capace di raccontare e fare conoscere l’eccellenza del mondo del caffè in maniera attuale e a piĂš livelli di approfondimento.

“I grandi nomi del Rinascimento italiano, come Leonardo, avevano la grande capacitĂ  di saper coniugare l’aspetto scientifico e quello piĂš umano. Allo stesso modo oggi per far crescere la cultura del caffè è piĂš che mai necessario unire il know-how tecnico a quello di competenza. Questa – spiega Fabio Ceccarani, CEO di Simonelli Group (proprietario del marchio Victoria Arduino) – è la grande forza e l’unicitĂ  della collaborazione tra Ditta Artigianale e Simonelli Group perchĂŠ, coniugando la loro grande conoscenza ed esperienza sul caffè con tutto il nostro know-how tecnico e scientifico, siamo in grado di offrire una formazione applicata.”

Firenze è quindi il luogo ideale per l’avvio di questo ambizioso progetto che ha l’obiettivo di dar vita al Rinascimento dello specialty coffee in Italia. “La partecipazione di Victoria Arduino alla Scuola del Caffè – ha dichiarato Marco Feliziani, Vice Presidente e Direttore Commerciale di Simonelli Group – è anche un omaggio alla stessa cittĂ  di Firenze. “È un piacere tornare in questa bellissima cittĂ  e offrirle, a distanza di quasi 100 anni, un nuovo grande progetto “Negli anni Trenta è stata installata nello Stadio storico della Fiorentina una speciale macchina da caffè Victoria Arduino: una macchina murale con 24 gruppi erogatori, una vera opera d’arte dal punto di vista architettonico e tecnologico. Oggi omaggiamo Firenze con l’importante accordo con Ditta Artigianale per dare nuovamente il nostro contributo alla crescita della cultura del caffè in Italia.”

LA SCUOLA DEL CAFFÈ IN UN MONASTERO DI ORIGINE MEDIEVALE

La Scuola del Caffè è la prima in Europa ospitata all’interno di una caffetteria aperta al pubblico. La sua sede è in un luogo molto suggestivo: l’ex monastero di Sant’Ambrogio, un complesso di origine medievale situato in via Carducci 2 nel cuore di Firenze. In particolare, l’ex refettorio del convento, che si affaccia sul chiostro, sarà la sede della Scuola del Caffè, mentre i locali che si affacciano su via Carducci saranno il cuore della caffetteria Ditta Artigianale. La scuola, che parte dalla necessità di creare un luogo di dialogo internazionale nel settore, vuole essere un punto di riferimento per baristi, tostatori, assaggiatori e appassionati “coffee lover”; si impegnerà nel portare una crescita in termini di sostenibilità, innovazione e conoscenza, coniugando il sapere di esperti del mondo del caffè con lo sviluppo delle tecniche più all’avanguardia: un concept unico, dinamico e innovativo, capace di raccontare e fare conoscere l’eccellenza del mondo del caffè in maniera attuale e a più livelli di approfondimento. Da giugno 2020 sarà disponibile il calendario dei corsi, mentre l’anno accademico prenderà il via a gennaio 2021.

La storia del monastero, dalla comunitĂ  per prostitute al laboratorio di restauro del libro

Il complesso dell’ex-monastero, detto “complesso della Pia Casa di Rifugio di Sant’Ambrogio”, ha origini antichissime essendo in stretta relazione con il complesso di Sant’Ambrogio, le cui costruzione risale al V o VI dopo Cristo. Alla fine del XVIII secolo il monastero divenne un’istituzione laica per educare giovani donne. L’educandato poco dopo fu soppresso a seguito degli ordinamenti francesi del 1808 e l’intero convento venne destinato a case d’affitto di utilitĂ  pubblica. Tuttavia nel 1815 i diritti sulla proprietĂ  furono ceduti alle monache domenicane della PietĂ  di via Giusti. L’anno successivo l’amministrazione dei beni ecclesiastici destinò i locali a una comunitĂ  laica di prostitute “in via di redenzione”. Nel 1835 la Pia Casa fu trasformata in ente morale, che continuò ad occuparsi del recupero delle giovani, godendo di un lungo periodo di benessere economico, interrotto solo durante la prima guerra mondiale quando lo stabile fu requisito per usi militari. In seguito parte dello stabile fu venduto alla SocietĂ  degli Asili infantili e poi demolito in occasione del rinnovamento urbanistico della zona, secondo il piano regolatore interno della cittĂ  redatto da Luigi Del Sarto. L’alluvione del 1966 arrecò gravi danni all’immobile ed evidenziò le carenze insite nella struttura. Nel 1976 l’Opera Pia passò sotto la competenza amministrativa del Comune, nel 1979 gli ambienti in esubero furono affittati alla Biblioteca Nazionale. Nel 1991 gran parte dei locali dell’ex monastero furono acquistati dal Ministero dei Beni Culturali per alloggiarvi i Laboratori di restauro del libro. Infine nel 2010 il complesso è confluito nell’Azienda di Servizi alla Persona Firenze Montedomini.
[Fonte: Francesca Carrara, Ludovica Sebregondi, Pia Casa Rifugio di Sant’Ambrogio]

EAGLE ONE WORLDWIDE LAUNCH WITH JAMES HOFFMANN

Follow James’ trip and discover Eagle One, the new era of espresso coffee machine.

Starting in February, Victoria Arduino is going around the globe dedicating exclusive appointments to its partners to get to know and expand knowledge about the new Eagle One. This trip starts in Melbourne and will have onboard James Hoffmann, (opinion leader and author) essential protagonist concerning the development of the Eagle One . This machine brings innovation to a new level. It offers high-quality beverages for the new generation of specialty coffee shops rendering to their needs of fitting into tight spaces, all while looking out for energy consumption.

Please contact your Area Manager for more information about this exclusive Eagle One journey.

EAGLE ONE AGENDA:

  • February 11 6-10 pm
    MELBOURNE | AU79 CAFÉ

    27-29 Nicholson Street
    Abbotsford Victoria 3067
  • February 13 5-8 pm
    AUCKLAND | ATOMIC COFFEE ROASTERS

    420c New North Road
    Kingsland, Auckland
  • February 15 6-10 pm
    JAKARTA | ABCD School of Coffee

    Level 11, Ciputra Artpreneur,
    Ciputra World, Jakarta
  • March 13-14
    AMSTERDAM | AMSTERDAM COFFEE FESTIVAL

    1014 DD Amsterdam
    Gashouder, KlĂśnneplein 1

New Eagle One events around the world are coming soon. Stay tuned!

TASTE YOUR TEMPERATURE AT WOC 2019

World of Coffee is coming! This year we invited some of the best roasters in the industry to explore and serve incredible unique coffees from our VA388 coffee machine. Röststätte, Nordbeans, Kalve, Kaffa, Hard beans, Doubleshot, Connect coffee, 5elephant will present to you their specialty coffee at booth #B31. While enjoying coffee from one of our guests, be sure to join the “Taste your temperature” contest. Test out the superb T3 technology, that allows the barista to set three temperatures: one for the brewing, one for the water infusion and one for the steam. You can experiment with the temperature and extract the best flavors from each coffee blend. Come join us at the booth B31 to enjoy these moments together! It will be days full of discussions, networking and high-quality coffee! We wish you a very happy coffee experience. See you soon in Berlin!

VICTORIA ARDUINO GOING GREEN FOR SUSTAINABLE BUILDINGS

More and more cafes in Melbourne have been offering a 10% discount to customers who bring a reusable cup. It’s an intentional choice that affirms their values and those of their customers. Victoria Arduino’s green movement involves diverse aspects; from the study of the Life Cycle Assessment to reduce CO2 emissions during the machine’s entire life cycle, to the verification of the product compliance regarding the standards of green building in order to obtain the green certifications. After the VA388 Black Eagle, the whole Victoria Arduino product range can be found on the Ongreening website and offers a strong contribute to acquire green building certifications. Victoria Arduino is the first coffee machine brand to be part of the Ongreening platform, the world’s first website designed to provide building professionals with news and updates on the most relevant green building rating system such as LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), BREAM, HQM, ESTIDAMA AND HK BEAM PLUS. The platform evaluates products compliant with green building standards and publishes green building products that contribute to the certifications. Through the Ongreening website, Victoria Arduino provides a complete overview of its coffee machines and grinders in terms of sustainability. Architects, engineers, designers, managers, and retail chains can see how our coffee machines potentially contribute to major green building certification systems. For Victoria Arduino, environment protection is particularly important. We have been continuously increasing the sustainability of our products for many years, and we will continue to do so in the present and future. Our commitment is to build a cleaner, more sustainable world for our partners and coffee community around the globe.

EAGLE ONE. THE ABSOLUTE PREVIEW OF THE NEW VICTORIA ARDUINO COFFEE MACHINE IN LONDON

A project inspired by the best culture of italian design and looks to the future. Eagle One is the new Victoria Arduino’s professional espresso machine, which will be presented in London on the 19th of September (at 11.30am – London time) during the I-MADE (Italian Manufacturer Art & Design Exhibition) at the Saatchi Gallery. For the preview, Eagle One will be presented in a particular version customized by Giulio Cappellini, art director I-MADE, who chose for the machine chrome colors and innovative materials. “Eagle One is the symbol of modernity of Victoria Arduino. The brand was born at the beginning of the Twentieth Century, worked on the quality product, continuously doing research” – recalls Giulio Cappellini. “From the first design of the coffee machine, the brand has picked up the needs and transformed them into technologies, also through the great collaborations with the futurist artist Leonetto Cappiello and the architect Caccia Dominioni. The brand has an eagle symbol, and was able to look beyond geopolitical boundaries, listening to an international audience. I consider Victoria Arduino as an excellent example of Made in Italy.”