Sono passati 110 anni dalla fondazione di Victoria Arduino. In tutto questo tempo si sono evolute le tecnologie, si sono raffinati gli stili, sono nati tanti modelli di macchine, ma in questo 2015, come nell’ormai lontano 1905 e nei centodieci anni intercorsi, non è cambiata la filosofia di fondo: costruire e offrire ai baristi di tutto il mondo la migliore macchina per caffè possibile al momento, in termini di design e di tecnologia avanzata. Macchine che, pur facendo tesoro del passato, sono sempre proiettate verso il futuro dell’espresso e del cappuccino. Come lo fu la macchina murale con ben 24 gruppi installata in un bar italiano negli anni Trenta del secolo scorso. La potete vedere nelle foto d’archivio qui pubblicata. Una foto che dimostra come tradizione e capacità innovativa abbiano sempre vissuto in simbiosi in questo marchio.

Per questo Victoria Arduino ha tracciato la storia delle macchine per caffè ed è diventata icona mondiale del made in Italy, continuando, più vitale che mai, a dare un insostituibile apporto alla diffusione della cultura del caffè.  Lo dimostrano due episodi emblematici al centro della ricorrenza dei 110 anni: il debutto di Victoria Arduino come macchina ufficiale del Campionato mondiale baristi 2015 a Seattle e il lancio mondiale della macchina professionale per caffè oggi più all’avanguardia sul mercato, la VA 388 Black Eagle con tecnologia gravimetrica.

Superando ogni moda, tutte le macchine Victoria Arduino conservano il loro fascino nel tempo e la loro funzionalità. Così anche i nuovi modelli, frutto di evoluzione di stili e di tecnologie, non privano della loro valenza le macchina precedenti ed i modelli considerati ormai storici. Anzi, traendo linfa vitale da loro, ne accrescono fascino e valore.

Tutto questo è merito del fondatore, Pier Teresio Arduino, a cui recenetemente è stato dedicato il modello Theresia, una macchina innovativa nel design (di Doriana e Massimiliano Fuksas) e innovativa nella tecnologia (T3). Una macchina concepita per veri intenditori del caffè, che Pier Teresio – se fosse stato ancora in vita – avrebbe voluto realizzare lui, perché rispondente pienamente ai suoi obiettivi: produrre macchina per caffè espresso senza compromessi in termini di qualità, materiali e performance.

La scrupolosa attenzione di Pier Teresio Arduino per ogni aspetto tecnico, con la registrazione nel tempo di numerosi brevetti, nonché la sua meticolosa accuratezza per il design e per ogni dettaglio, sono state rigorosamente mantenute da coloro che hanno proseguito la sua opera. L’intera collezione di macchine per caffè Victoria Arduino prodotta nell’arco di 110 anni si avvale di due fili conduttori che attraversano modello dopo modello e li tengono tutti uniti in un’unica marcata identità: l’eccellenza delle performance in fase operativa e un design che supera ogni spazio temporale. Che si tratti di una macchina tradizionale o una dal caratteristico sistema di estrazione a leva o la “rivoluzionaria” VA388 Gravimentrica, tutte si distinguono per i valori insiti nella storia del loro marchio, simboleggiato dall’aquila alata che continua ad essere scelta ed amata dai baristi di ogni parte del mondo.