Articoli

Creativity Re-Generation. Al Fuorisalone 2022 tre designer interpretano E1 Prima presso Starbucks Reserve™ Roastery

Arte e design per il caffè.

Arte e design per il caffè.

La storia di una libreria e caffetteria diventata galleria d’arte

Pannelli in legno riciclato dipinti a mano che raccontano la cultura boliviana, la storia del caffè e l’importanza della connessione e della relazione. È la storia della Fundación Roca Gravato di Santa Cruz, in Bolivia, una vecchia scuola professionale trasformata da Luis Alberto Roca e Rita Gravato in caffetteria, galleria d’arte e biblioteca.

“Quando i miei genitori hanno deciso di aprire nella loro vecchia scuola professionale una galleria d’arte – ha detto Luis Pedro Roca -, abbiamo deciso di trasferire lì la nostra libreria e la nostra caffetteria e di unire la nostra passione per il caffè e per l’arte. Non era la prima volta che coglievamo un’occasione del genere: undici anni fa la nostra libreria stava per chiudere e abbiamo deciso di aprire una caffetteria al suo interno. È stata un’idea incredibile, anche perché mi sono innamorato del caffè e sono diventato presto un barista certificato SCA, e così tre anni fa abbiamo iniziato a tostare il caffè. Compriamo caffè verde da produttori boliviani, e abbiamo una macchina privata da 5 chili che tosta il nostro caffè speciale Alto Tostado”.

Ora nella Fondazione Roca Gravato i visitatori possono degustare ottimi caffè, possono godere di mostre personali di artisti locali e di una grande galleria con riproduzioni a grandezza naturale di importanti opere d’arte realizzate da artisti locali. “Il nostro impegno è dare la possibilità di vedere importanti capolavori ai boliviani che non possono visitare musei internazionali e condividere con loro la passione per l’arte” – ha detto Luis Pedro Roca.

 

Con centinaia di visitatori al giorno la galleria d’arte continua con la missione di condividere la passione per l’arte e per il caffè attraverso la caffetteria che prepara caffè e cappuccini con le macchine da caffè Victoria Arduino. “Eagle One e E1 Prima sono state macchine d’ispirazione per i nostri 6 artisti residenti – ci ha detto Luis Pedro Roca. “Hanno replicato i pannelli posteriori delle macchine utilizzando legno riciclato e altri materiali diversi e hanno iniziato a dipingerli. Il risultato è stato davvero impressionante tanto che abbiamo iniziato a vendere macchine personalizzate Eagle One e E1 Prima, una nuova grande opportunità per il nostro business!”

Da un punto di vista antropologico la “personalizzazione” è riferita a un processo di appropriazione culturale e creazione di design su misura, aiutando le persone a raccontare la propria identità, le proprie storie e a comunicare un messaggio. “Lo hanno fatto i nostri artisti residenti – ci ha raccontato Camila Roca – e i nostri clienti sono appassionati perché nella loro caffetteria possono lavorare con macchine dalle grandi performance estrattive e, allo stesso tempo, godere di un’opera d’arte unica che racconta la cultura del nostro Paese, o le origini del caffè o l’impegno per una crescita sostenibile, o ciò che vogliono comunicare”.

“Per me il caffè è una forma d’arte – ha affermato Betzalel Maida, uno dei sei artisti residenti – possiamo dipingere utilizzando superfici diverse e tecniche diverse come un barista può preparare il caffè utilizzando singole origini o miscele e metodi di erogazione diversi. La cosa più importante è offrire una grande esperienza per tutti i sensi.”

 

 

E1 Prima selezionata ADI Design Index 2021

Dopo Eagle One, anche E1 Prima di Victoria Arduino è stata selezionata ADI Design Index 2021. L’Associazione per il Design Industriale lo ha annunciato ieri a Milano in un evento presso l’Adi Design Museum.
Adi Design Index 2021 è una speciale selezione, realizzata dall’Osservatorio permanente del Design, che comprende prodotti e sistemi di prodotto di ogni merceologia, ricerche teorico-critiche, ricerche di processo o d’impresa applicate al design. Inoltre l’ADI Design Index costituisce la preselezione per il Premio Compasso d’Oro ADI, un importante riconoscimento che viene assegnato dall’Associazione per il disegno industriale con l’obiettivo di premiare e valorizzare la qualità del design italiano. Si tratta del più antico e prestigioso premio di disegno industriale al mondo.

Perché la scelta di E1 Prima?

E1 Prima è un prodotto che rappresenta e interpreta un cambiamento nel consumo del caffè. Si ricercano sempre più prodotti “specialty” preparati con materie prime “gourmet” di alta qualità e prodotte in regime di etica e sostenibilità. Di conseguenza il caffè di qualità sta sempre più diventando un fenomeno di lifestyle e si tende a ricercare una coffee experience sempre più esclusiva anche in ambiti e in contesti non necessariamente legati all’ambiente del coffee shop: food truck, boutique, uffici, casa, e tanti altri contesti. E1 PRIMA è la macchina versatile ed eclettica in grado di interpretare i trend attuali e farci immaginare il futuro.

La macchina da caffè, infatti, non è solo uno strumento di servizio, ma anche un vero e proprio messaggio, che espande il suo significato a una dimensione più ampia, costituita dal suo essere espressione della personalità di chi la usa (barista, roster, coffee lover, ecc), racconto, vita e tendenza.

La facilità di personalizzazione con cromie differenti e con materiali sia naturali come il legno, sia tecnologici come l’acciaio, le resine e l’alluminio, permettono al locale in cui è installata di poter esprimere anche attraverso la macchina da caffè la propria personalità, la propria vision. E1 Prima diventa così parte di un racconto, di una filosofia che cambia in relazione agli ambienti. È anche per questo motivo che l’architetto e ambasciatore d’eccellenza della creatività italiana nel mondo Giulio Cappellini ha creato una speciale selezione di look “stagionali” e di colori e finiture che interpretano le tendenze del momento. Tante immagini diverse per un’unica idea di glamour accessibile: come l’abito di una capsule collection o un accessorio di moda, PRIMA è disponibile in tanti colori diversi e in esclusive edizioni d’autore.

Come in Eagle One, così anche in E1 Prima Victoria Arduino ha posto attenzione sia al piacere di vivere e lavorare con un prodotto che bilancia qualità estetiche e funzionali sia alla ricerca tecnologica e alla innovazione. Il risultato è un’esperienza completa dal punto di vista estetico e della semplicità d’uso. In più offre un design sostenibile, che pone l’attenzione anche all’impatto ambientale del prodotto, in termini di risparmio energetico ed economico. La tecnologia NEO (New Engine Optimization), infatti, si basa su un approccio intelligente del riscaldamento che garantisce un risultato eccellente in tazza e bassi consumi. E1 Prima è stata progettata per essere più compatta, più performante e più sostenibile.

L’utilizzo di E1 PRIMA è supportato da un app dedicata da cui  è possibile impostare temperatura e tempo di estrazione, impostare vapore e acqua calda così come la programmazione settimanale. Inoltre attraverso l’app è possibile creare le proprie ricette, condividerle oppure impostare sulla macchina quelle proposte dalla propria roastery di fiducia o dal barista di riferimento. L’app, infatti può diventare anche uno strumento di condivisione delle ricette nella sezione ‘Cloud recipe’ dell’App Victoria Arduino.

 

ADI Design Index 2020. Eagle One in mostra alla Casa dell’Architettura a Roma.

Dopo l’esposizione presso l’ADI Design Museum di Milano, Eagle One è volata a Roma alla Casa dell’Architettura – Acquario Romano per una nuova mostra che presenta una scelta significativa dei prodotti selezionati per l’ADI Design Index, la rassegna annuale del miglior design italiano.

Eagle One di Victoria Arduino, infatti, è stata selezionata per il prestigioso riconoscimento ADI Design Index 2020. Adi Design Index 2020 è una speciale selezione, realizzata dall’Osservatorio permanente del Design, che comprende prodotti e sistemi di prodotto di ogni merceologia, ricerche teorico-critiche, ricerche di processo o d’impresa applicate al design.

La scelta della location romana è molto significativa: la Casa dell’Architettura è una nuova importante istituzione culturale ed espositiva, con il compito di promuovere la cultura architettonica romana e l’architettura contemporanea in generale attraverso mostre, premi, conferenze, incontri e iniziative di carattere nazionale e internazionale.

La mostra ADI Design Index 2020 sarà visitabile fino al 2 luglio presso la Casa dell’Architettura a Roma, piazza Manfredo Fanti 47.

Eagle One selezionata da ADI Design Index 2020

Eagle One di Victoria Arduino è stata selezionata da ADI Design Index 2020. L’Associazione per il Design Industriale lo ha annunciato ieri a Milano in occasione dell’inaugurazione dell’Adi Design Museum.
Adi Design Index 2020 è una speciale selezione, realizzata dall’Osservatorio permanente del Design, che comprende prodotti e sistemi di prodotto di ogni merceologia, ricerche teorico-critiche, ricerche di processo o d’impresa applicate al design.

 

 

Perché la scelta di Eagle One?

Quello di Eagle One è un progetto ispirato a quella teoria del saper fare italiano che pone le sue basi nel buon design dei maestri del Novecento e guarda al futuro. Il design di Eagle One si presenta come un impasto fluido di tecnica ed estetica, concepito sin dalla sua ideazione per la sua attenzione alla sostenibilità e al potenziale comunicativo.

La macchina da caffè, infatti, non è solo uno strumento di servizio, ma anche un vero e proprio messaggio, che espande il suo significato a una dimensione più ampia, costituita dal suo essere espressione della personalità del barista, racconto, vita e tendenza.

La facilità di personalizzazione con cromie differenti e con materiali sia naturali come il legno, sia tecnologici come l’acciaio, le resine e l’alluminio, permettono al locale di poter esprimere anche attraverso la macchina da caffè la propria personalità, la propria vision. Eagle One diventa così parte di un racconto, di una filosofia che cambia in relazione agli ambienti, Per la sua capacità di trasformarsi ed essere messaggio, l’architetto e ambasciatore d’eccellenza della creatività italiana nel mondo Giulio Cappellini ha creato una speciale Eagle One che rappresenta un modello di contaminazione tra storia e avanguardia con l’utilizzo di legni speciali riciclati, resina ecologica e alluminio.

In Eagle One, Victoria Arduino ha posto attenzione non solo alla ricerca tecnologica e alla innovazione, ma anche al piacere di vivere e lavorare con un prodotto che combina perfettamente qualità estetiche e funzionali. Il risultato è un’esperienza sensoriale completa sia per chi lavora con Eagle One grazie alla sua semplicità d’uso, sia per il cliente, grazie all’innovativa tecnologia estrattiva NEO.

Il design di Eagle One pone l’attenzione anche all’impatto ambientale del prodotto, sia in termini di risparmio energetico che economico. I nuovi materiali utilizzati e il design progettuale hanno permesso di ridurre le emissioni del 23% rispetto alle macchine della stessa categoria e soprattutto di sfruttare e non sprecare l’energia di scarto della macchina con un ulteriore risparmio dell’8% sul totale consumo della macchina stessa.

 

E1 Prima e le icone del design a Interni Designer’s Week

Vivere la coffee experience dove vuoi, quando vuoi e soprattutto in modo immersivo da coinvolgere tutti i sensi. L’occasione è dietro l’angolo: dal 12 al 23 aprile E1 Prima torna a Milano  per una nuova edizione di Interni Designer’s Week  e lo fa attraverso una vera e propria celebrazione delle icone del design italiano e internazionale. L’installazione, dal titolo PRIMA MEETS ICONS, intende omaggiare e citare alcune tra le più importanti icone del design attraverso una edizione speciale di E1 Prima disegnata dall’architetto Alfonso Arosio.

 

Si rafforza sempre di più il legame di Victoria Arduino e il mondo del design. La speciale edizione di E1 Prima, infatti, è un’esaltazione delle linee delle icone del design: l’aquila posta sul retro della macchina da caffè mette in risalto le linee dei più noti oggetti di design come la chaise longue o come la poltrona dalla semplicità della struttura leggera e curva che ricalca alla perfezione il motto “less is more”. Nella texture minimal, dove le icone sono rappresentate in modo tridimensionale e disegnate a mano dall’architetto Arosio, viene dato doveroso spazio anche alle lampade e a tante altre icone del design italiano e internazionale.

 

A corredo dell’installazione Prima Meets Icons, tre speciali E1 Prima firmate da Giulio Cappellini con texture e colori che interpretano le tendenze del momento. Tante immagini diverse per un’unica idea di glamour.

 

Il design dalle linee essenziali, contemporanee e raffinate di E1 Prima, infatti, porta in casa o in ambienti di lavoro, nelle aree di benessere, all’interno di boutique o nelle suite e nelle hall degli hotel una esperienza immersiva e che coinvolge tutti i sensi dal gusto fino alla vista, grazie anche alla speciale edizione creata per la Designer’s Week di Milano.

Designer’s Week. Le forme e i colori per creare luoghi e spazi da cui connettersi.

Il design interpreta in modo esemplare i cambiamenti, soprattutto attraverso i luoghi come il coffee shop, la casa o l’ufficio. Gli spazi da cui ci colleghiamo ogni volta con l’esterno diventano sempre di più rappresentazione di noi stessi. È questo il senso dell’installazione curata dai designer di fama internazionale Giulio Cappellini e Leonardo Talarico durante la Milano Designer’s Week che si è svolta lo scorso novembre.

 

I due designers, in un’intervista pubblicata nell’ultima edizione di Interni magazine (leggi l’articolo), hanno evidenziato come il luogo da dove ci si connette con l’esterno, sia in modalità online che offline, diventa una sorta di palcoscenico che contribuisce a rappresentarci. È così che Cappellini e Talarico hanno creato una speciale installazione fatta di oggetti in grado di trasmettere una visione positiva e colori che evocano evocano il sole, il dinamismo e la creatività.

 

Per la speciale installazione del Meeting Point della Milano Designer’s Week, Cappellini e Talarico hanno coinvolto alcuni dei maggiori player del design italiano e internazionale, da Kvadrat per il tessile a Icone Luce per l’illuminazione, Cappellini e Moroso per i mobili e Rossana Orlandi per le edizioni limitate. E hanno coinvolto brand come Victoria Arduino, mettendo in mostra le sei speciali versioni colore della macchina da caffè E1 Prima firmate dallo stesso Giulio Cappellini.